home       favola personale su richiesta...       filo diretto con njara      la posta del cuore

 

       IL PAESE DELLE FAVOLE!!!   

 

   ..c'era una volta in quel di' di festa un paese che nessuno aveva chiamato con nessun nome..era un paese imprendibile per chiunque passasse di li e sostasse un po' alla frescura di un grande albero bruno..ma un giorno un viandante peregrino sostò un giorno di più e il grande albero ad un certo punto gli parlò.

"perchè non te ne vai viandante??"

il viandante sorpreso si guardò intorno e rimase sconcertato nel vedere che non c'era nessuno tranne lui e quel grande albero che lo aveva riparato per la notte.

chi ha parlato?? chiese un po' spaventato.

ahahaha hai paura eh??

il viandante si allontanò dall'albero e lo guardò..ne era certo la voce proveniva da li..cauto cauto si avvicinò e gli girò intorno..ma niente..non vide nessuno se non quella risata sinistra che ancora gli attanagliava il cuore.

allora si può sapere chi ha parlato?? richiese con voce roca e spaventata.

io..sono stato io..il grande albero delle favole.

l'omino si riscosse..noooo..non era possibile..un albero che parlava..si scosse un po'..si arruffò i capelli bruni e lo guardò con gli occhi grandi grandi.

un albero non parla..

lo dici tu..io parlo...sono secoli che parlo..chi sei tu per dubitare di me??

io..

 

e qui finisce la favola di un uomo che incauto o cauto che dir si voglia ..ehh?? che dite?? volete che continui?? ma no..non sono qui per scrivere una favola..sono qui per parlar...ahooo ma volete tacere un attimo si o no??

la proprietaria di questo posto...ecco lo sapevo..ci risiamo..mi sembro l'albero bruno in questo momento..ma è vero sapete..l'albero bruno esiste per davvero..ed io vi ho portato per mano in quel luogo che la gente chiama la fantasia delle cose..certo non a tutti è permesso entrare anche perchè l'albero bruno non ama i visitatori inopportuni..si insomma quelli che non credono che con la fantasia si possa realizzare tutto o quasi..ma come dicevo io son qui per parlare di un tempo che fu..il mondo delle favole..quelle favole che a molti di noi sono state raccontate quando eravamo bambini..

pinocchio..cenerentola..biancaneve..cappuccetto rosso..il gatto con gli stivali..l'albero dei fagioli..ve le ricordate vero??

ma a qualcuno queste favole non sono mai state raccontate..le hanno lette..hanno visto dei cartoni che le riproducevano..ma nessuna voce amica o nemica le ha mai raccontate loro..nessuna voce amica e mai nemica li ha presi per mano e fatti sedere accanto a loro per narrare una storia ormai passata..ma mai cosi presente come può essere al giorno d'oggi.

mi rendo conto che la gente..che le persone hanno sempre più bisogno di sentirsi raccontare delle favole..anche i grandi..soprattutto i grandi che vivono quotidianamente una realtà spesso invivibile..il denaro che non basta mai..lavori sempre più spesso precari e mal pagati..i figli che fanno i capricci con le loro richieste a volte un po' assurde..genitori che hanno genitori in casa da accudire magari perchè purtroppo stanno male e non hanno i mezzi ne la sussistenza da parte di un comune qualunque di un paese qualunque che venga loro in aiuto..

io ne ho conosciute di persone cosi..molte sono tristi..altre cercano di rimboccarsi le maniche di un sorriso che a volte esce stentato..altre se ne stanno silenziose in attesa di una mano amica che le aiuti a tirare avanti.

 

..ma dicevo dell'albero bruno..allora dovete sapere che l'omino si ritrasse spaventato..l'albero bruno era li imponente accanto a lui e gli chiedeva perchè non se andasse..

si fece forza l'omino e gli si pianto mani sui fianchi proprio davanti..

perchè vuoi che me ne vada..questo è un paese libero..chi sei tu  per decidere di mandarmi via??

io qui sono il sindaco il prete ed il priore rispose l'albero dondolando la sua verde chioma.

ahahah ma fammi la cortesia..tu sei solo un albero che parla.

al che l'albero rimase stupefatto...mai nessuno aveva osato parlargli in quel modo..solitamente gli altri quando lui parlava se ne andavano con le gambe al vento tanto lui incuteva paura con la sua voce.

 

...bhè certo non è cosa di tutti i giorni sentire o vedere un albero parlare..ma nel paese delle favole tutto può succedere..anche che un albero o un sasso parlino..come non lo sapevate?? oh caspita..ma a voi non hanno mai raccontato favole di ranocchi parlanti..o di fiori che danzano cantando sotto l'incedere di un vento festoso??

noo??

bhè mi dispiace..le favole sono state e per alcuni versi purtroppo lo sono ancora oggi..rappresentative di un mondo passato..un mondo che aveva la sua morale..un mondo che ci hanno insegnato a conoscere e purtroppo anche ad amare.

le favole non debbono avere nessuna morale per essere delle favole vere e veritiere nel loro racconto e ascolto..le favole sono e debbono restare un momento piacevole da trascorrere o da soli o in compagnia..

ma vi immaginate cenerentola alle prese con la sua morale?? lei sicuramente non l'avrebbe voluta quella morale..ma va da se che se l'uomo non ci mette il suo zampino non è contento..ed ecco che la morale di cenerentola è che se lavori..se fatichi..ma soprattutto se soffri..prima o poi la vita ti ricompensa facendoti incontrare il principe azzurro.

oppure biancaneve che più o meno è la stessa di cenerentola..lei muore..e un bacio la risveglia..lei aiuta i nanetti e i nanetti aiutano lei..insomma un dare ed un avere..se non si da non si ha..ecco la morale di una favola che è nata sotto forma di favola e nulla più..

vogliamo parlare di pinocchio??

brutto bambino disubbidiente e bugiardo..anzi burattino disubbidiente e bugiardo che fin quando non si "ravvede" la fata turchina non lo trasformerà in un bel bambino in carne ed ossa..ma questa morale toglie la libertà ad un individuo di essere ciò che è..non sembra anche a voi??

quanto è più bello leggere una favola senza pensare che dietro o davanti ci sia un'insegnamento da tenere a mente??

 

 

..quindi tu non hai paura di me?? disse l'albero sbraitando le sue foglie al vento.

dovrei?? chiese l'omino un po' strafottente.

si dovresti..dovresti dovresti e dovresti.

mi sembri proprio un bambino che fa i capricci disse l'uomo mettendosi seduto.

io ho voglia e desiderio di sostare qui un altro po'..e se a te non fa piacere..bhè è un tuo problema..non mio.

e dicendo questo si mise seduto appoggiando la schiena all'albero che preso da un quieto vivere guardò l'uomo e poi sorrise..

è proprio vero disse fra se..basta una parola..a volte un gesto per rendere le cose più piacevoli e meno tediose..

 

ma la favola non termina qui..termina invece una storia di paese..una storia che ha visto protagonisti un albero un uomo e forse anche una donna..mettiamoci anche un bambino e anche un nonno ed una nonna..poi infiliamoci un fratello una sorella uno zio un nipote e chissà quanta altra progenie potrei tirare fuori se solo volessi continuare..ma ho lasciato da solo l'omino sotto l'albero e l'abero accanto all'omino che lo guarda sornione e sorridente..chissà cosa avrà in mente quel grande vecchio albero bruno che sta in cima ai nostri pensieri ma che è incapace di parlare perchè noi non sappiamo o forse non abbiamo mai ascoltato una favola raccontata o no..

una favola amica e mai nemica..una favola che non abbia mai una morale scritta o poco scritta..ma che sia solo una favola..solo una favola e nulla più.

 

è vero sai njara..le persone non ascoltano..forse non hanno mai ascoltato anche se a loro sembra che ascoltino e anche tanto.

 

chi è?? chi è che ha parlato??

e dai njara almeno tu..tu che hai sempre creduto in noi..io mi ricordo quanto ti piaceva ascoltare i racconti e le favole quando eri bambina..ma ricordo e so che ti piacciono ancora oggi ascoltarle o narrarle..e allora vieni qui..sotto la mia folta chioma verde..ascolta ciò che ho da narrarti..ehi voi..si dico a voi che leggete..se qualcuno vuole accomodarsi sotto di me venga pure..ma che si tenga pronto ad ascoltare..quindi orecchie del cuore aperte e mente chiusa ai passanti..ehi tu..si dico a te..no no cosi non va bene..la fantasia è importante..e se tu non ce l'hai..non sei il benvenuto qui...

e tu piccola cara perchè sei cosi triste?? dai non ci posso credere..non ti hanno mai raccontato una favola?? e allora su che c'è posto...siediti accanto agli altri..e se sei stanca come credo che tu sia..qui c'è sempre una spalla amica che ti sosterrà nel tuo cammino..

e tu bel ragazzone bruno..che fai non ti siedi??

lo so lo vedo che sei un uomo..ma perchè agli uomini è proibito ascoltare favole?? non certo qui..non certo qui..

 

l'albero bruno piegò le fronde sino ad arrivare ai piedi dell'omino che seduto socchiudeva gli occhi come a riposare.

grazie gli disse..mi hai reso felice oggi.

l'uomo si alzò ma rimase seduto..

eppure abbiamo litigato mi sembra..ti rende felice una lite??

no..non abbiamo litigato..io sono solo qui..pochi passanti vengono e se sostano un giorno in più io li ho sempre scacciati..cosi come ho fatto con te..ma tu sei rimasto..si sei rimasto e mi hai rimesso in riga..e di questo sono felice..

ah..sei felice solo perchè qualcuno ha alzato la voce più di te..no no caro il mio albero cosi non va..io penso che questo paese abbia bisogno di una bella rinfrescata..vieni qui su dai che te la racconto io una favola oggi..

e l'omino si mise a raccontare dei posti che aveva visitato..delle persone che aveva incontrato..dei luoghi che aveva visto e amato..gli raccontò anche del suo bambino scomparso..gli raccontò una lacrima..un dolore poi una gioia ed un sorriso..quindi terminò il racconto infilandosi un filo d'erba fra i denti e chiudendo gli occhi per riposare ciò che lui aveva sempre saputo..che la fantasia..che un dolore che una gioia fanno parte dell'uomo ma anche della fantasia delle cose..una fantasia che oggi io ho voluto donare a voi sottoforma di un racconto formato di parole di gesti e di sorrisi..una lacrima scende..qualcuno la raccoglie..una spalla si posa sopra un'altra spalla..un fiore nasce..un prato si raccoglie..ed io in silenzio vi lascio qui ad ascoltare altre favole che parlano di amore di sentimenti di gioventù di amicizia e perchè no..di eventi ancora da venire..

 

 

..e se qualcuno desiderasse una favola scritta su misura per la propria persona..o per un caro amico..o per una cara amica..per un fratello una sorella un genitore..insomma per chi vuole non ha che da chiedermelo..scrivetemi dicendomi una frase..e per chi volete che sia..la VOSTRA FAVOLA!!!!

 

 

..e mi raccomando..non pensate che chiedere una favola costi una cifra o qualsiasi cifra..io non chiedo nulla..però pensate pure che il lavoro che c'è qui dentro questa pagina e in tutte le pagine di questo sito è un lavoro immane che mi costa fatica e a volte un sonno perduto..ma ne vado fiera di ciò che faccio e mi piace tanto farlo..ma come si dice mangiare costa anche a me..e anche mantenere questo sito mi costa..non sono una persona ricca...magari lo fossi..e allora se volete..se vi fa piacere farlo aiutatemi in questa mia strada..ora chiederete come..semplice..donandomi anche un solo euro..o un uovo..o una bottiglia d'olio..no non sto scherzando..una volta c'era lo scambio delle cose.. vi ricordate?? c'era il contadino che in cambio di un po' di farina per fare il suo pane quotidiano donava al suo vicino se le aveva delle uova fresche o un pomodoro....si viveva cosi una volta..non c'erano i soldi..e chi li aveva sfruttava purtroppo chi non li aveva...un po' come oggi..solo che oggi questo scambio non esiste più e l'uomo si trova spesso più solo a macerarsi dentro un non so come andare avanti che lo distrugge piano piano..

a me non importa la cifra..o cosa volete o siete disposti a donarmi.. per far si che questo sito ed io stessa continui a vivere migliorandosi e donandovi sempre di più in piacere  e in libertà..scrivetemi se volete fare ciò che ho appena detto..se siete d'accordo in ciò che ho appena detto..questo non è un sito a scopo di lucro..non lo è mai stato ne mai è voluto esserlo..ma è certo anche che io ho bisogno di guadagnare per vivere..mentirei se mi mettessi al di sopra di tutto e facendo finta di nulla..a me non piace far finta di nulla o mentire a voi che mi leggete..e che siete qui a volte o molto spesso non so con un bisogno disperato di compagnia e di una voce amica che ascolti anche in silenzio i vostri pensieri..io sono qui..e questo mi basta per farvi un sorriso anche senza un uovo..in cambio.

ed ora se permettete..mi infilo un filo d'erba fra i denti..socchiudo gli occhi..e mi riposo un po'!!!

 

 

                                                                                                

 

 

 

 

 

 

 

 

Quanto pubblicato è proprietà dell'autore e tutelato dagli articoli 2575, 2576 del Codice Civile e dalle Leggi vigenti che disciplinano la materia.
L'autore di un eventuale plagio o di uso non autorizzato del materiale risponderà personalmente del suo operato all'autorità giudiziaria. 

 

 

                        

                                             

                                                                                          Testi e Immagini contenuti nel sito sono di proprietà esclusiva dell'autore. 

E' severamente vietato l'uso e la riproduzione 

di qualsiasi parte ed oggetto del sito.
...alcune immagini o gif di questo sito sono state prelevate dal web..se i legittimi proprietari non desiderano 

che io metta le loro immagini 

o le loro gif mi scriva che io provvederò a toglierle..grazie per ciò che create..per me sono fonte di gioia..

mi auguro però di non farvi un torto prelevandole per inserirle accanto alle mie parole.

testi - njara